Impronte digitali al Ruggi: addio ai furbetti del cartellino a Salerno

Condividi sui social!

SALERNO. Zero rischi sul fronte della privacy, nessuna criminalizzazione del dipendente pubblico, rilevare le impronte digitali – come previsto dal Decreto Concretezza per le pubbliche amministrazioni – funziona: azzera il rischio di imbattersi nei cosiddetti furbetti del cartellino ed è un esempio di trasparenza.

Impronte digitali al Ruggi: addio ai furbetti del cartellino a Salerno

Lo sostiene Oreste Florenzano, direttore amministrativo dell’azienda ospedaliero-universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno, il primo ente pubblico autorizzato dal Garante della Privacy a installare un sistema di lettura di dati biometrici.

Un esempio positivo che anticipa la scelta contenuta nel decreto appena approvato dal Governo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *