Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :

Napoli, Capodanno: “plauso ai carabinieri per l’arresto della gang dei rapinatori”

Home / News / Cronaca / Napoli, Capodanno: “plauso ai carabinieri per l’arresto della gang dei rapinatori”
img
/
/
/

Vomero: vivo plauso ai carabinieri per l’arresto della gang dei rapinatori nei garage

“ Esprimo un vivo plauso ai carabinieri del nucleo operativo del Vomero che hanno arrestato i componenti della banda che, stando alle notizie di cronaca,  avevano messo di recente a segno una rapina ai danni di un’autorimessa della zona – afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari -.

Con l’occasione auspico che vengano ulteriormente intensificate le attività di prevenzione anche avvalendosi di sistemi come la videosorveglianza, incentivando pure i condomini e i commercianti i quali, pure attraverso apposite convenzioni, potrebbero dotarsi di sistemi di videocontrollo, oltre che continuare a procedere in un coordinamento ottimale tra polizia, carabinieri, guardia di finanza e vigili urbani “.

“ Al Vomero purtroppo di recente si assiste a una recrudescenza dei fenomeni criminali ad opera di una malavita sempre più agguerrita oltre che delle baby gang – prosegue Capodanno -. Per questo si rende necessario dedicare una particolare attenzione al quartiere collinare da parte delle forze dell’ordine “.

” Segnatamente in relazione al settore commerciale che, con circa 1.600 esercizi operanti su appena due chilometri quadrati di superficie, tale è infatti l’estensione territoriale del Vomero, rappresenta il più importante centro commerciale della Città – sottolinea Capodanno – .

Da più parti e da tempo, infatti, si levano voci circa l’utilizzo del Vomero quale “lavanderia” del danaro sporco ricavato da attività e da traffici illeciti. Un aspetto che sembrerebbe trovare conferma anche nella scomparsa progressiva delle cosiddette botteghe storiche che, dopo decenni di attività, stanno abbassando le saracinesche. In un momento di crisi economica infatti, il problema degli elevati costi di gestione, non sopportabili a fronte dei diminuiti ricavi, non dovrebbe esistere solo per loro “.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar