Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Salerno e spiagge, Codacons scrive a Prefetto: “lidi rispettino diritto al mare”

img
/
/
/

Tempo di Lettura: 2 minuti

SALERNO. Pubblichiamo integralmente la nota del Codacons Salerno in merito alla fruizione delle spiagge libere nella città capoluogo.

“Il Codacons solleva la questione dell’accesso a tutto il litorale del comune di Salerno e chiede al Prefetto di garantire immediatamente, in favore della collettività, il diritto alla fruibilità delle spiagge salernitane, anche attraverso interventi correttivi e sanzionatori nel caso di inosservanza dei limiti già disposti dalla normativa nazionale, regionale e comunale tra le aree concesse a soggetti privati e gli arenili liberamente fruibili.

Sono decine le telefonate di protesta che stanno giungendo al Codacons in questi giorni.
L’Avvocato Matteo Marchetti dichiara: “chiediamo al Prefetto di Salerno di emettere ordinanza di ripristino dello stato dei luoghi in caso di accertate violazioni e di provvedere, al più presto, a tutti gli accertamenti necessari, attraverso l’ausilio delle Forze dell’Ordine, essendo ormai alle porte la stagione estiva”.

“Siamo stanchi di dover ribadire che la spiaggia è un bene pubblico che appartiene allo Stato anche se è data in concessione agli stabilimenti balneari. La battigia, poi, resta sempre a disposizione di tutti. Spiagge e lidi fanno parte del cosiddetto demanio marittimo dello Stato: dunque, sono beni di proprietà dello Stato, inalienabili, inespropriabili e destinati a servire i bisogni della collettività”.

“Lo Stato può affidare le spiagge in concessione ai privati, ma i poteri dei concessionari si scontrano con il limite invalicabile della libera fruizione della battigia da parte dei cittadini.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar