Eboli, beni confiscati alla criminalità presidi di legalità per le donne vittime di violenze

Condividi sui social!

EBOLI. L’Amministrazione comunale trasforma i beni confiscati alla criminalità in presidi per la legalità ed in favore di donne vittime della violenza

I beni confiscati alla criminalità organizzata ad Eboli diventano occasione di crescita civile e sociale, a disposizione della comunità.

Tra i progetti ammessi dal Ministero degli Interni al finanziamento del PON “Legalità” 2014/2020 per riuso e rifunzionalizzazione di beni confiscati alla criminalità organizzata, nell’ambito dell’Accordo in materia di sicurezza, legalità e coesione sociale in Campania, c’è “IntegrArea-Centro contro la marginalizzazione sociale”, progetto del Comune di Eboli, che prevede recupero e messa in sicurezza del capannone annesso alla “Villa Falcone e Borsellino”, bene confiscato alla criminalità organizzata ed acquisito al patrimonio del Comune nel 1997.

«C’è grande soddisfazione per questo progetto – sottolinea il sindaco, Massimo Cariello -, perché si tratta di una programmazione tutta comunale, che coniuga gli interventi sociali con il recupero alla fruibilità pubblica di beni confiscati. Abbiamo restituito strutture ed aree alla comunità, promuovendo azioni di crescita civile e sociale che qualificano l’intera cittadinanza ebolitana».

Gli interventi previsti, per un importo di 1.067.026,28 euro, consentiranno la trasformazione del capannone in un centro polifunzionale destinato alle donne vittime di violenza e finalizzato a contrastare il racket della prostituzione attraverso due livelli di integrazione: accoglienza ed alloggio e percorsi di riabilitazione sociale, psicologica ed economica.

«Sono previste attività che puntano a creare le condizioni per consentire alle donne di superare i momenti critici, attraverso percorsi di integrazione e connessione sociale – spiega il consigliere delegato ai beni confiscati, Carmine Busillo -. Le attività, sviluppate e monitorate, saranno strutturate con servizi dedicati, grazie all’intervento di esperti esterni ed interni che fungeranno da collettore tra i soggetti svantaggiati vittime di violenza e la società».

Le azioni che si produrranno, saranno uno strumento complesso, che servirà a dotare le donne in situazioni di disagio, a diventare consapevoli delle proprie risorse e delle proprie capacità, a migliorarle ed a reinserirsi nella società e nel mondo del lavoro. Il progetto è stato redatto dai tecnici comunali Rosario La Corte, Giuseppe Barrella, Gaetano Cerruti, Marco Salerno, Carlo Vece e dal progettista esperto Carmine Sasso di Officina Koinè, a cui la struttura è stata affidata, insieme con la Caritas, nel 2015. Le fasi di partecipazione al bando sono state curate dalla Responsabile dello Staff del Sindaco, Flavia Falcone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *