Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Stupro sulla Circumvesuviana: scarcerato anche terzo indagato

img
/
/
/

Tempo di Lettura: 2 minuti

SAN GIORGIO A CREMANNO. Stupro nell’ascensore della Circumvesuviana, scarcerato anche il terzo indagato, accusato della violenza sessuale. A stabilirlo il Tribunale del Riesame.

I giudici hanno depositato le loro motivazione. Per loro, secondo quanto riporta la documentazione, la ragazza non avrebbe detto la verità. Questo anche a causa delle patologie di cui soffre. Queste le motivazioni che hanno fatto ritenere insussistenti gli indizi a carica di tutti e tre gli indiziati.

“Restiamo in attesa di conoscere le motivazioni che hanno spinto il Tribunale del Riesame a scarcerare i tre accusati dello stupro di San Giorgio a Cremano. In ogni caso si tratta della revoca della misura cautelare. La decisione del Riesame non proscioglie i tre, che dovranno affrontare il processo. Riponiamo massima fiducia nel lavoro dei giudici. Qualora la loro colpevolezza dovesse essere confermata in sede processuale auspichiamo la massima severità dinanzi ad un reato tanto odioso e inumano”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Ora – prosegue Borrelli – bisogna fare attenzione a non mistificare la realtà.

1 Comments

  1. Domanda: basta che una donna dica d’essere stata violentata in ascensore senza prove per mettere in galera qualcuno? 😮 E’ un business… allora.. 😀 basta trovare un uomo ricco, adescarlo e poi denunciarlo. Soldi a palate garantiti anche con gli inviti in TV… 😀 P.s.: è successo ad un cliente di un mio amico avvocato. Ha dovuto pagare una vicina di casa che l’ha denunciato per tentato stupro in ascensore. Lei sostiene che lui l’ha baciata. Di solito il giudice dà ragione senza prove a chi sporge denuncia come se ci fosse la presunzione di colpevolezza sta al denunciato provare la propria innocenza e meno male c’erano le telecamere questa volta, altrimenti…

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar