Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :

Quella volta che il Napoli in Serie B vinse la Coppa Italia

Home / News / Sport / Quella volta che il Napoli in Serie B vinse la Coppa Italia
/
/
/
TAG:

Tempo di Lettura: 3 minuti

Le coppe nazionali riservano sempre grandi sorprese, la FA Cup inglese, la competizione di calcio più antica che esista ci ha abituato a storie straordinarie, ancor di più la “Coupe de France” dove spesso ad arrivare alle partite finali sono squadre dilettantistiche o di categorie minori.

In Italia non siamo molto abituati a storie di questo genere e quella del Napoli nella stagione 1961/62 è più unica che rara. L’allenatore all’inizio di quella stagione era Fioravante Baldi a cui subentrò l’italo-argentino Bruno Pesaola, uno dei fautori di questa strabiliante vittoria. Il presidente era Alfonso Cuomo, unico che abbia mai vinto qualcosa prima di Corrado Ferlaino.

Coppa Italia 1961/62

In questa stagione cambiò la formula delle eliminatorie, con un primo turno per le società di Serie B, e un secondo che vedeva l’ingresso delle squadra di Serie A, tranne quattro sodalizi designati per sorteggio.

Al primo turno il Napoli gioca contro l’Alessandria, anch’essa militante in Serie B, sconfiggendola 6-5 ai calci di rigore dopo una partita terminata 1-1. Al secondo turno, come già detto, entrano in gioco anche le squadre di Serie A e il Napoli affronta la Sampdoria, altro pareggio (0-0) che termina con la vittoria finale ai calci di rigore per 7-6.

Nel tabellone principale il cammino del Napoli inizia a sorprendere, infatti negli ottavi prima e nei quarti di finale poi, espugnarono rispettivamente i campi di Torino (contro il Torino vincendo 0-2) e Roma (contro la Roma vincendo 0-1). In semifinale poi incontra l’ottimo Mantova neo-promosso in Serie A, la vittoria per 2-1 gli da l’ingresso alla finale che giocherà contro la SPAL.

La “provinciale” ferrarese, a sua volta, arrivò inaspettatamente all’atto conclusivo dopo aver eliminato in semifinale la più blasonata Juventus, quest’ultima sarà poi anche sconfitta dal Mantova nella finale di consolazione per il terzo e quarto posto.

In ogni caso sia i partenopei che gli spallini erano alla loro prima finale assoluta nella competizione: la partita fu vinta dal Napoli, che mise in bacheca la sua prima Coppa Italia grazie alle reti di Corelli al 12′, a cui rispose Micheli solo 4 minuti più tardi, e Ronzon al 78′.

Fu una vittoria che passò ovviamente alla storia, poiché gli azzurri eguagliarono in tal modo il Vado, il quale vinse l’edizione inaugurale del 1922, diventando dunque gli unici due club capaci di vincere la maggiore coppa nazionale pur non militando nella massima divisione.

Questo la formazione titolare del Napoli nella finale contro la Spal:
Pontel – Italia
Molino – Italia
Gatti – Italia
Girardo – Italia
Rivellino – Italia
Corelli – Italia
Mariani – Italia
Ronzon – Italia
Tomeazzi – Italia
Fraschini – Italia
Tacchi – Argentina
All. Pesola

Leggi altre storie di calcio

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar