Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :

Bellizzi: Chef Rubio e Enzo De Caro ospiti per il premio Fabula

Home / News / Campania / Bellizzi: Chef Rubio e Enzo De Caro ospiti per il premio Fabula
/
/
/
TAG:

Chef Rubio ed Enzo De Caro sono i primi due ospiti annunciati del Premio Fabula 2019, in programma dall’1 al 6 settembre a Bellizzi.

L’evento artistico-letterario diretto da Andrea Volpe, giunto alla sua decima edizione, celebrerà Massimo Troisi a 25 anni dalla scomparsa nell’arena della cittadina a lui dedicata insieme al compagno di viaggio de “La Smorfia” per ripercorrere una storia cominciata negli anni ’70 e che ancora oggi è presente nell’immaginario delle persone.

Confermata anche la presenza di Chef Rubio, alias Gabriele Rubini, ex rugbista frascatano divenuto celebre con il programma cult tv sullo street-food “Unti e Bisunti” e attualmente in onda con “Camionisti in Trattoria”. L’annuncio ha scatenato i fan del conduttore televisivo che piace a grandi e piccoli: è probabile che porterà anche al Fabula il suo linguaggio giocoso ma autorevole magari per confrontarsi con i creativi e suggerire loro uno stile di vita salutare anche sul fronte dell’alimentazione, oltre a spoilerare, si spera, qualcosa sui suoi prossimi impegni professionali.

Sul fronte strettamente letterario, protagonista della kermesse bellizzese, sono oltre 400 i racconti dei giovani scrittori ammessi alla sei giorni: gli autori vengono da tutta la Campania.

Presentato anche il manifesto della decima edizione del Fabula, la cui grafica è stata affidata all’artista Morena Fortino, che ha fatto della fantasia l’unicum della sua opera, realizzata con il papercutting, una tecnica di intaglio della carta che richiede pazienza e perseveranza, gli stessi valori perseguiti ed alimentati dalle origini a oggi. «Eccola la facoltà della mente di creare immagini raffigurata un po’ umana, un po’ pesce e un po’ uccello, perché non esistono briglie che possono legarla – spiega l’ideatrice – la testa liquida e fiammeggiante è un ossimoro vivente, le mani lunghe e affusolate reggono l’universo. Libera e caleidoscopica, plana sul dieci di Fabula».

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar