Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :

Amalfi, abusi edilizi: il blitz dei carabinieri, sequestro

Home / News / Campania / Amalfi, abusi edilizi: il blitz dei carabinieri, sequestro
img
/
/
/
TAG:

Tempo di Lettura: 2 minuti

AMALFI. I carabinieri della compagnia di Amalfi, nella giornata di lunedì, hanno sequestrato una villa di lusso nel centro di Praiano, oggetto di numerosi lavori di ristrutturazione senza i previsto permessi a costruire. L’attività, condotta dal Nucleo Operativo e Radiomobile, è frutto di una accurata attività investigativa volta al controllo capillare dei cantieri e dei lavori in corso attualmente sul territorio della Divina.

Non sono passati inosservati agli occhi degli uomini dell’Arma, guidati dal comandante Umberto D’Angelantonio i vistosi ponteggi ed i numerosi mezzi e materiali utilizzati per la sistemazione di questo immobile: subito gli operanti hanno acquisito la documentazione posseduta dal comune, dove effettivamente risultava depositata una SCIA per eseguire una serie di attività di ristrutturazione, tuttavia, una volta avuto accesso al cantiere, con l’ausilio del responsabile dell’ufficio tecnico di quel comune, è stato riscontrato che erano in corso altri lavori che richiedevano ulteriori autorizzazioni, in quanto l’area è fortemente vincolata dal punto di vista paesaggistico e sismico.

In particolare erano in corso lavori sull’intera struttura portante, dalla soletta alle travi portanti dell’edificio. Per quanto emerso, è stato effettuato il sequestro dell’intera abitazione e dei macchinari ivi presenti ed utilizzati per il compimento delle opere, tra cui due betoniere, un bobcat ed una macchina escavatrice, nonché tutto il materiale di lavoro.

Inoltre sono state accertate le responsabilità penali per tre persone, rispettivamente il proprietario dell’immobile, l’ingegnere direttore dell’esecuzione delle opere ed il legale rappresentante della ditta che sta svolgendo i lavori. Una volta posti i sigilli dell’edificio, il cui valore è di alcuni milioni di euro, sono stati redatti gli atti di rito che sono ora al vaglio dell’autorità giudiziaria di Salerno per la convalida e gli adempimenti di competenza.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar