Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Reflui nel fiume Sarno, intervengono i carabinieri: sequestri per quattro aziende

img
/
/
/

Tempo di Lettura: 6 minuti

Nella mattinata odierna, i Carabinieri del Comando Gruppo per la Tutela Ambientale di Napoli, in esecuzione di tre decreti di sequestro preventivo, dei quali: uno emesso dal Giudice delle Indagini Preliminari presso il Tribunale di Avellino, su conforme richiesta della Procura della Repubblica di detto Tribunale, uno emesso dal giudice delle Indagini preliminari presso il Tribunale di Nocera Inferiore, su conforme richiesta della Procura della Repubblica di detto Tribunale ed uno emesso dal giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Torre Annunziata, su conforme richiesta della Procura della Repubblica di detto Tribunale, nonché in esecuzione di un decreto di sequestro d’urgenza emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torre Annunziata, hanno proceduto al sequestro di quattro aziende operanti nel settore della metallurgia pesante, dell’attività conserviera e dell’attività conciaria, ubicate rispettivamente nei Comuni di Solofra (AV), Pagani (SA), Torre Annunziata (NA) e Striano (NA), i cui legali rappresentanti sono ritenuti responsabili dei reati di cui agli art. 137 (scarico abusivo di reflui industriali), 256 (illecita attività di gestione di rifiuti) e 279 (emissioni in atmosfera senza autorizzazione) del Testo Unico Ambientale, e, in un caso, altresì, del più grave reato di cui all’art. 452 bis (inquinamento ambientale) del C.P..
Le aziende sequestrate sono :

 

la S.r.l. EUROGALVANICA, con sede operativa in Torre Annunziata (NA), operante nel settore della zincatura dei metalli, occupante nr. 5 dipendenti, per aver effettuato lo scarico delle acque reflue industriali in pubblica fognatura e di conseguenza in corpo idrico in assenza di autorizzazione e per aver esercitato l’attività in assenza dell’autorizzazione alle emissioni in atmosfera; la S.r.l. T.G.S., con sede operativa in Striano (NA), operante nel settore della zincatura dei metalli, occupante nr. 8 dipendenti, per aver effettuato lo scarico delle acque reflue industriali in pubblica fognatura e di conseguenza in corpo idrico in assenza di autorizzazione e per aver esercitato l’attività in assenza dell’autorizzazione alle emissioni in atmosfera; la s.r.l. COMMERCIALE EXPORT, con sede operativa in Pagani (SA), operante nel settore della produzione e commercializzazione di conserve alimentari, occupante nr. 15 dipendenti (che arrivano a nr. 80 stagionali durante i periodi di massima produzione giugno/settembre), per aver effettuato lo scarico delle acque reflue industriali in assenza di autorizzazione e per aver esercitato l’attività in assenza dell’autorizzazione alle emissioni in atmosfera; la S.r.l. LASER FASHION, con sede operativa in Solofra (AV), operante nel settore della lavorazione e concia del pellame, occupante nr. 14 dipendenti, per aver effettuato lo scarico delle acque reflue industriali in pubblica fognatura e di conseguenza in corpo idrico in assenza di autorizzazione e per aver esercitato l’attività in assenza dell’autorizzazione alle emissioni in atmosfera;

In particolare, le indagini, espletate dai Carabinieri del NOE di Salerno e Napoli, che si sono avvalsi della collaborazione tecnica dell’ARPAC, e coordinate dalle Procure della Repubblica di Avellino, Nocera Inferiore e Torre Annunziata, hanno permesso di accertare:
quanto alla S.r.l. EUROGALVANICA di Torre Annunziata, che i reflui del processo di lavorazione industriale, nonché i rifiuti liquidi utilizzati nella lavorazione, convogliati direttamente nel canale Bottaro e di qui nel fiume Sarno, erano altamente contaminati (valori circa 200 volte superiori ai limiti di legge) da metalli pesanti (ferro, zinco, azoto ammoniacale e cloruri), sostanze bio — accumulabili, altamente tossiche per gli organismi viventi, con l’aggravante di aver commesso l’illecita attività stante il sequestro in atto di una parte dell’impianto; quanto alla S.r.l. T.G.S. di Striano, che i reflui del processo di lavorazione industriale e quelle di dilavamento dei piazzali confluivano direttamente nel Rio Foce e quindi nel fiume Sarno, in assenza di autorizzazione e che la ditta non era in possesso delle autorizzazioni alle emissioni in atmosfera; quanto alla S.r.l. COMMERCIALE EXPORT di Pagani, che i reflui del processo industriale confluivano in pubblica fognatura e di qui nel prospiciente corso d’acque e quindi nel fiume Sarno, in assenza di autorizzazione e che la ditta non era in possesso dell’autorizzazione alle emissioni in atmosfera; quanto alla S.r.l. LASER FASHION di Solofra, che l’attività produttiva era esercitata con titolo autorizzativo allo scarico e alle emissioni in atmosfera scaduti da almeno 3 anni e pertanto inefficace.



Il sequestro preventivo delle aziende, secondo quanto ritenuto dai Giudici delle Indagini Preliminari di Avellino, Nocera Inferiore e Torre Annunziata, si è reso necessario al fine di evitare la compromissione ulteriore dell’ambiente circostante e del fiume Sarno in particolare.

I provvedimenti cautelari reali, eseguiti in data odierna, si inseriscono in una più ampia e articolata attività investigativa condotta in modo capillare dai Carabinieri del Comando Tutela Ambientale e dai Carabinieri Forestali, avvalendosi della collaborazione tecnica dell’ARPAC, e tutt’ ora in corso di svolgimento, sotto il coordinamento sinergico delle Procure di Avellino, Torre Annunziata e Nocera Inferiore, finalizzata ad accertare e a rimuovere le cause dell’inquinamento del fiume Sarno e dei suoi tributari, avente ad oggetto le aziende ubicate nel territorio del bacino idrografico di detto corso d’acqua e ricadente nei circondari delle suddette Procure, al fine di individuare gli scarichi abusivi dei reflui industriali recapitanti direttamente e indirettamente nel fiume Sarno ed interrompere le attività illecite che influiscono sullo stato di salute di detto corso d’acqua senza peraltro trascurare il rilevante impatto provocato dagli scarichi fecali dei Comuni ricadenti nei circondari delle suddette Procure, tutt’ora privi di rete fognaria e/o non collettati ai depuratori esistenti.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar