Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Il Presidente della Provincia Strianese nuovamente positivo al Covid: si tratta della variante Omicron

img
/
/
/

Tempo di Lettura: 3 minuti

l presidente della Provincia di Salerno Michele Strianese è nuovamente positivo al Covid-19. Ma, questa volta, è stato colpito dalla sua variante Omicron. A comunicarlo, sui social, è direttamente l’esponente del Pd che è anche sindaco del comune di San Valentino Torio, il quale racconta il momento di isolamento che sta vivendo con la sua famiglia.

Questo quanto espresso dal Presidente della Provincia di Salerno per quanto concerne le sue condizioni di salute:
“Omicron d’altro canto è meno aggressiva ed attacca la gola e l’ albero bronchiale, molto di meno i polmoni, per cui è difficile che possa provocare crisi respiratorie, soprattutto se si è vaccinati. In sostanza la variante Omicron nei soggetti sintomatici come me, genera una forte influenza che però va ben curata e seguita. Sono in isolamento dal giorno di Capodanno, ovvero dal momento in cui sono iniziati i primi sintomi (tosse, dolori agli arti, febbre, raffreddore e soprattutto mal di gola). Dopo cinque giorni sto un po’ meglio ma lo stato influenzale permane ancora ed è molto invadente”. E ancora: “In realtà ho tardato a fare la dose booster di richiamo che avrei potuto fare già a partire del 9 dicembre, visto che erano scaduti i 6 mesi dalla prima dose (ebbi il coronavirus già a novembre 2020). Quando ho fatto la dose di richiamo, ovvero il giorno 30 dicembre, purtroppo avevo già contratto l’infezione, pur senza ancora saperlo visto che i primi sintomi sono comparsi a Capodanno.

In seguito il Presidente Strianese ha voluto fare un appello per invitare tutta la popolazione a vaccinarsi o a completare il ciclo di vaccinazioni: “Per questo motivo mi appello a tutti affinchè procediate tempestivamente alla vaccinazione e soprattutto a fare la cosiddetta terza dose. Probabilmente se avessi fatto l’iniezione della dose booster già il 9 dicembre, almeno non avrei avuto i sintomi che si sono manifestati e contro i quali sto combattendo. La salute viene prima di ogni cosa e non bisogna trascurarla rispetto agli impegni istituzionali, professionali e familiari, che pur giustamente bisogna onorare. Il mio pensiero e il mio saluto più affettuoso vanno a tutti coloro che sono nella mia stessa situazione o che, peggio ancora, sono in ospedale in condizioni più gravi e che quindi combattono una battaglia importante. Forza e coraggio…!!”.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar