Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Battipaglia, pompa di benzina vicino al “Medi”. Minoranza congiunta: “l’amministrazione ricorre contro i cittadini, vergognoso”

/
/
/

Tempo di Lettura: 2 minuti

BATTIPAGLIA. Minoranza sul piede di guerra a Battipaglia, dopo la delibera del 30 giugno con la quale la giunta comunale ha deciso di resistere al ricorso presentato dai cittadini di via Domodossola e dai consiglieri d’opposizione riguardo la realizzazione della pompa di benzina a pochi passi dal Liceo “Medi”.

Di seguito riportiamo la nota dei consiglieri di minoranza a proposito della decisione dell’amministrazione:

“Con deliberazione n.159 del 30/06/2022 la Giunta Comunale ha dato mandato al Sindaco di resistere avverso al ricorso che i cittadini di via Domodossola, Legambiente ed i Consiglieri Comunali di minoranza hanno promosso contro la famigerata delibera che ha approvato la convenzione per la realizzazione dell’ormai famoso distributore di carburanti.

La decisione ci indigna e conferma, al di là delle parole di circostanza, la volontà dell’amministrazione di permettere la realizzazione del distributore. Infatti, l’amministrazione, avrebbe potuto rinunciare a resistere al ricorso. Invece, pagando a spese dei battipagliesi un professionista esterno all’ente, ha preferito ricorrere contro i cittadini piuttosto che revocare la delibera di giunta che ha approvato la convenzione del distributore, come chiesto dai cittadini e dai consiglieri di minoranza durante il consiglio comunale dello scorso 16 giugno.

Inoltre, solo oggi l’amministrazione ha affermato, dopo l’intervento del Consigliere Mirra nel consiglio dello scorso 27 giugno, che in quella zona il famoso Masterplan Salerno Sud  prevede un parco fluviale, che difficilmente potrebbe coesistere con un l’opera tanto decantata dal Sindaco e da diversi Consiglieri di maggioranza.

C’è da chiedersi fino a quando continueranno a prenderci in giro, fino a quando anche i consiglieri di maggioranza saranno disposti, a parole, ad avversare il distributore per poi subirlo passivamente oppure, addirittura, promuoverlo.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar