Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :

Battipaglia, Alba Srl. Pattisti: “l’amministrazione sta portando la società verso il baratro”

Home / News / Politica / Battipaglia, Alba Srl. Pattisti: “l’amministrazione sta portando la società verso il baratro”
/
/
/
TAG:

BATTIPAGLIA. «L’amministrazione Francese sta portando per mano l’Alba Srl verso un burrone per poi scaraventarcela». Parole dure quelle del capogruppo di Forza Italia, Valerio Longo, uno dei pattisti che in mattinata si sono riuniti a Palazzo di città per una conferenza stampa.

Dopo il documento firmato dai 7 consiglieri di maggioranza, questi tornano nuovamente all’attacco chiedendo chiarimenti in merito alla situazione della società partecipata del Comune di Battipaglia. Secondo i consiglieri di maggioranza dissidenti infatti l’amministrazione starebbe attuando delle manovre quantomeno dubbie.

«L’Alba Srl in questo periodo è vista come una specie di tallone d’Achille di Battipaglia, quando in realtà è stata il braccio operativo della città per 20 anni. Il rilancio dell’Alba Srl è il rilancio della città. Allora perché tutta questa fretta di rottamarla?».

Una decisione, quella dell’amministrazione, in netto contrasto con il precedente punto di vista della sindaca Cecilia Francese, che prima di indossare la fascia tricolore era «fortemente contraria alla privatizzazione della società». Il cambio di idee, per Longo, sarebbe sospetto.

«Perché la sindaca adesso vuole privatizzare l’Alba? Bisogna inoltre dare indicazioni chiare, questo è il compito di noi amministratori. Invece qui si va avanti con la filosofia del “campa cavallo che l’erba cresce”. Ed è così per tutto: rifiuti, eventi, Alba Srl.».

Longo precisa, inoltre, come questa sia la prima volta in due decadi che la società partecipata va in negativo: «quest’anno l’Alba è andata in passivo per 2 milioni di euro. Questo perché si fanno le cose senza pensare alle conseguenze. C’è stata una fretta inspiegabile nel procedere con la rottamazione della società. Una chiusura, però, che non può essere pagata. Quindi di quale risparmio si parla?».

Per Longo si tratta di un cane che si morde la coda: il comune ha pagato i debiti di Alba, usando però i soldi del contratto e mettendo di fatto così in difficoltà la società partecipata che ha dovuto fare dei tagli, come gli straordinari o i noleggi.

Un iter che il capogruppo di Fi ha definito «anomalo», accusando come detto prima l’amministrazione di «star guidando la società verso un baratro».

Longo non ha peli sulla lingua e parla chiaro: «hanno preparato il terreno per portare la società al collasso e giustificarne la vendita. Manca una programmazione ed un progetto concreto». E da qui spiega il perché della “frattura” in maggioranza: «stiamo cercando di essere fiduciosi ma nessuna delle promesse fatte in campagna elettorale è stata mantenuta. Il nostro compito è quello di dare il massimo per la città e lo faremo a qualsiasi costo, anche chiedendo un rimpasto di giunta. È necessario un cambio di passo».

Conferenza stampa che si conclude sui toni politici, con una sferzata al vicesindaco Ugo Tozzi.

«Tozzi parla da sindaco e a me questa cosa non va giù – ha detto l’ex Etica Cappuccio – . Inoltre sta cercando di metterci la città contro. Durante la manifestazione, a cui siamo stati presenti, ci ha attaccato dichiarando che fossimo assenti».

E sui legami sempre più stretti tra maggioranza ed opposizione: «intesa maggioranza opposizione? Qualcuno sta cercando di farsi il gruppo consiliare. Durante le elezioni promettemmo che non avremmo mai accettato cambi di casacca. Questa apertura da parte dell’amministrazione ci stupisce».

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar