Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :
adimage

Scafati, ipotesi irregolarità sulle luminarie natalizie: ascoltato il parroco

img
/
/
/

Tempo di Lettura: 2 minuti

SCAFATI. Luminarie natalizie nella piazza di San Pietro di proprietà della chiesa di San Pietro apostolo, scatta la denuncia nei confronti del nuovo prete Don John Kumar. Oggi pomeriggio intorno alle 19:00 i vigili urbani del comando di via Pietro Melchiade si sono recati sul posto e hanno contestato al prete l’utilizzo della pubblica illuminazione per mettere in funzione le luminarie natalizie.

Come racconta PuntoAgroNews, il nuovo prete, che da qualche mese ha preso servizio al posto di Don Salvatore Bianco aveva realizzato le luminarie di concerto con alcuni commercianti dando la disponibilità per la piazza di proprietà della parrocchia ma, l’uso della pubblica illuminazione era legato al comune in virtù di una vecchia convenzione con l’amministrazione.

Probabile anche che le luminarie siano state installate sul contatore di proprietà del teatro della parrocchia. Invece, i vigili hanno contestato la presunta irregolarità ed in queste ore il prete è ancora presto il locale comando per quanto accaduto. Il sacerdote rischia una denuncia penale per furto di elettricità.

L’episodio è arrivato a seguito di una segnalazione esposto presentato presso il comando di via Pietro Melchiade a firma di alcuni residenti di San Pietro che avrebbero contestato l’uso della pubblico elettricità per le luminarie della frazione scafatese. Indignato per l’accaduto l’ex consigliere di opposizione comunale Michelangelo Ambrunzo: “È assolutamente vergognoso questo accanimento nei confronti di cittadini e commercianti che di concerto con la parrocchia hanno realizzato le luminarie nel rispetto della convenzione comunale che vigeva nella città di Scafati.

Ancora una volta la triade commissariale mette in campo un atteggiamento davvero inaccettabile nei confronti della popolazione locale, chiediamo che venga fatta chiarezza sull’accaduto e soprattutto che il sacerdote non si trovi a dover affrontare colpe che non sono sue”.

Commenta

This div height required for enabling the sticky sidebar